• HOME
  • CHI SIAMO
  • BANDO
  • GIURIA
  • CLASSIFICA WEB
  • EVENTI
  • PRESS
  • EX EDIZIONI
    • II EDIZIONE
    • I EDIZIONE
  • CONTATTI
Optima Italia
SmartUp
Artribune Fondazione Bevilacqua

Valeri Bezpalov

1
voti
Valeri Bezpalov
Gallery:
Valeri Bezpalov
ARTISTA
Nome: Luca Freschi
Nome d'arte: Luca Freschi
OPERA
Anno: 2016
Materiali: terracotta ceramica dipinta, objet trouvé
Tecnica: scultura ceramica
Base: 35
Altezza: 100
Profondità: 35
Peso: 20
Prezzo: 0.00 €
Descrizione:

Semplificare la complessità Dopo gli studi sulla pittura, nella mia ricerca è prevalso l'interesse scultoreo che ha trovato nell’utilizzo dei materiali ceramici, soprattutto la terracotta, il mezzo più idoneo per opere di spirito anche concettuale e comportamentale. Utilizzando la tecnica del calco, realizzo “sculture ceramiche” in cui la concreta forma del soggetto resta ben presente anche se frammentata e ricomposta con parti originali ma anche ritrovate, estranee o casuali, secondo un processo inverso a quello della scultura tradizionale. “Valeri Bezpalov” è un’opera costruita sui frammenti di memoria collettiva, tentando di far affiorare una nuova rappresentazione iconica, laica e intima. La memoria è già un percorso semplificato, spesso incoerente e lacunoso. Complessi sono gli eventi che ci toccano, ci investono rivelandoci solo macerie o residui senza significato. La narrazione che tento di recuperare si affida a piccoli oggetti ceramici, frammenti di scultura anche ingenua e malinconica con cui ricuciamo un’intesa, una complicità visiva che ci coinvolge e rassicura. “Tre ingegneri, Alexei Ananenko, Valeri Bezpalov e Boris Baranov, si immersero nelle acque radioattive dell’impianto di Cernobyl appena esploso per aprire le valvole dei circuiti e svuotarle così da evitare un altro incidente ancora più devastante. Lo fecero ben sapendo che il livello di radiazioni che avrebbero assorbito sarebbe stato per loro letale. Fu il loro sacrificio a salvare il mondo da una seconda Chernobyl. Eppure nessuno ricorda mai i loro nomi morirono pochi giorni dopo a causa delle radiazioni assorbite”.


Galleria di riferimento: Bonioni Arte - Reggio Emilia