• HOME
  • CHI SIAMO
  • BANDO
  • GIURIA
  • CLASSIFICA
    • WEB
  • SMARTGALLERY
    • DIVENTA UNA SMARTGALLERY
  • EVENTI
  • PRESS
  • EX EDIZIONI
    • II EDIZIONE
    • I EDIZIONE
  • CONTATTI
Optima Italia
SmartUp
Artribune Fondazione Bevilacqua

Undertow

0
voti
VOTA OPERA
Undertow
ARTISTA
Nome: Laura Delaney
Nome d'arte: Laura Delaney
OPERA
Anno: 2017
Materiali: Originali di fotografie d’epoca in bianco e nero, stampe a colori postprodotte digitalmente di imagini ritrovate
Tecnica: Installazione a parete - suite di collage su carta
Base: 150
Altezza: 150
Profondità: 1
Prezzo: 0.00 €
Descrizione:

(INGLESE) 'Undertow', 2017, is a wall installation composed of a suite of 20 unframed collages on paper. The collages are created from found photographs of the past, representing people in contact with water, coupled together with images of repeated coral forms. 'Undertow' is an abstract enquiry regarding the ancestral relationship between humanity and water. I would like to use the occasion of this contest to investigate the complexity of this relationship through a simplified, visual analogy. The images presented in 'Undertow' build upon an archive of found photographs that I’ve been gathering over the past three years between Australia and Italy. I consider each found image a trace or clue in my ongoing search to represent the various ways in which water is a foundational element connected to society. 'Undertow' focuses on water as an alternative perspective to reconsider people’s relationships on and to land. Thus, the wall suite attempts to give a shape to this relationship, like an evoked geography, offering a physical form to the latent memory of this bond. The image of coral is used as a symbol to further emphasize this bond. Coral - as a natural marine organism transformed for human skin - is something that belongs both to the ocean and the human body. The fragmented beads of a coral necklace trace an a eternal loop around the subconscious undertow that continues to draw humans to water. (ITALIANO) “Undertow”, 2017, è un'installazione a parete composta da una suite di 20 collage su carta senza cornici. I collage sono composti da fotografie d’epoca ritrovate - che rappresentano persone in contatto con l'acqua - accompagnate da immagini ripetitive di forme corallo lavorato. “Undertow” è un'indagine astratta sul rapporto ancestrale tra l'umanità e l'acqua. Vorrei utilizzare l'occasione di questo concorso per esplorare la complessità di questa relazione attraverso semplici analogie visive. Le immagini presentate in “Undertow” si fondano su un archivio di fotografie ritrovate che ho raccolto negli ultimi tre anni tra l'Australia e l'Italia. Considero ogni immagine ritrovata una traccia o un indizio nella mia ricerca per la rappresentazione dei modi in cui l'acqua diviene un elemento fondamentale nella costituzione di una società. “Undertow” si focalizza sull'acqua come prospettiva alternativa da cui riconsiderare le relazioni tra i popoli e le terre che abitano. Così, la suite di collage tenta di dare una forma a questa relazione, come una geografia evocativa, offrendo una forma fisica alla memoria latente di questo legame. L'immagine del corallo è usata come simbolo per sottolineare ulteriormente questo legame. Il corallo, un organismo marino naturale trasformato per adattarsi la pelle umana, è qualcosa che appartiene sia all'oceano che al corpo dell’uomo. Le elementi frammentari di una collana di corallo descrivono metaforicamente un eterno loop intorno alla subconscia attrazione che lega l’uomo all'acqua.


Selfie video descrittivo dell'opera: https://drive.google.com/open?id=1RiHbua1125Qfe0XF98H7NOITKUAbXrEE
Video: https://drive.google.com/open?id=1RiHbua1125Qfe0XF98H7NOITKUAbXrEE