• HOME
  • CHI SIAMO
  • BANDO
  • GIURIA
  • CLASSIFICA
    • WEB
  • SMARTGALLERY
    • DIVENTA UNA SMARTGALLERY
  • EVENTI
  • PRESS
  • EX EDIZIONI
    • II EDIZIONE
    • I EDIZIONE
  • CONTATTI
Optima Italia
SmartUp
Artribune Fondazione Bevilacqua

"Ritorno a casa | Summer Edition"

26
voti
VOTA OPERA

Gallery:
ARTISTA
Nome: Giulia Lazzaron
Nome d'arte: Giulia Lazzaron
OPERA
Anno: 2017
Materiali: Carta fotografica
Tecnica: fotografia analogica, pellicola 35 mm modificata chimicamente con sostanze ossidanti
Base: 60
Altezza: 40
Profondità: 1
Peso: 1
Prezzo: 0.00 €
Descrizione:

“Ritorno a Casa” è un progetto realizzato interamente con una Pentax, macchina fotografica analogica, utilizzando pellicole di marche differenti, con ISO diversi, inserite in sostanze ossidanti differenti e per tempo differente.
Il titolo è esplicativo del significato di questo progetto: l’artista entra in contatto, attraverso la fotografia, con la sua città di origine, Milano, compiendo un viaggio soprattutto dentro se stessa, volto a ricontattare il significato profondo che hanno i luoghi della sua infanzia e della sua adolescenza, non per fermarsi alla sua infanzia ma proprio per andare oltre, per attuare una crescita personale rivivendo ricordi collegati ai luoghi con nuove consapevolezze. Infatti l’intero lavoro di Giulia prende come modello l’utilizzo delle immagini come mezzo di trasformazione psichica consapevole, processo conosciuto attraverso lo studio del lavoro di Carl Gustav Jung.
Il viaggio è quindi attraverso i luoghi della sua infanzia, fisici e psichici, trovando Tesori di Consapevolezza e presa di coscienza di sè stessa. La tecnica utilizzata, fatta di reazioni chimiche e trasformazioni della materia, rispecchia sicuramente il modo di lavorare della stessa artista, non solo in tutto il suo lavoro pittorico, grafico e fotografico, ma prima di tutto, su sé stessa.
Un viaggio che vuole ricontattare la semplicità di vivere, quella semplicità tanto complessa e difficile da vivere e da ritrovare. E’ un progetto sicuramente personale che vuole creare anche immagini surreali, simboliche del periodo storico contemporaneo in cui stiamo vivendo.