• HOME
  • CHI SIAMO
  • BANDO
  • GIURIA
  • CLASSIFICA WEB
  • EVENTI
  • PRESS
  • EX EDIZIONI
    • II EDIZIONE
    • I EDIZIONE
  • CONTATTI
Optima Italia
SmartUp
Artribune Fondazione Bevilacqua

Est Side

41
voti
ARTISTA
Nome: Giuseppe Maione
Nome d'arte: Giuseppe Maione
OPERA
Anno: 2017
Materiali: stampa fotografica, cornice
Tecnica: fotografia digitale b/n - stampa fine art
Base: 40
Altezza: 30
Profondità: 4
Peso: 2
Prezzo: 0.00 €
Descrizione:

Vigliena fu interessata da insediamenti industriali fin dall'800, considerata come un prolungamento naturale del Porto di Napoli, raggiungendo notevoli livelli di sviluppo negli anni cinquanta grazie ai finanziamenti del Piano Marshall e grazie agli investimenti di celebri aziende come la Cirio, la Corradini, la Q8, l'Enel, l'Agip. Molte di queste aziende, negli anni settanta entrarono in crisi e furono costrette alla chiusura con tutto ciò che ne conseguì per il degrado del quartiere e per la situazione occupazionale. Il 21 dicembre 1985 vi fu l'esplosione di venticinque serbatoi costieri dell'Agip e uno spaventoso incendio, che durò quasi una settimana, e che causò cinque vittime, 165 feriti, 2594 senzatetto e 100 miliardi di danni. Dall'amministrazione municipale fu recepita la necessità di delocalizzare quelle attività che potessero costituire fonte di pericolo per la popolazione e causa di ulteriore inquinamento per un territorio già seriamente compromesso. Tuttavia solo nel 1993 la Q8 cessò l'attività. Nel 1999 il “Decreto Bersani” stabilì la privatizzazione di molte centrali dell'Enel, affidando in appalto alla Tirreno Power S.p.a. la costruzione di una centrale termoelettrica turbogas, in sostituzione della vecchia, della potenza di 400 megawatt, sfruttando la tecnologia del “ciclo combinato” che armonizza il profitto economico con la sostenibilità ecologica[1]. Contro la centrale a turbogas sono sorti comitati civici di residenti.