• HOME
  • CHI SIAMO
  • BANDO
  • GIURIA
  • CLASSIFICA WEB
  • EVENTI
  • PRESS
  • EX EDIZIONI
    • II EDIZIONE
    • I EDIZIONE
  • CONTATTI
Optima Italia
SmartUp
Artribune Fondazione Bevilacqua

E0B49B42B25B16B6Y16V900D

8
voti
ARTISTA
Nome: Fabio Tasso
Nome d'arte: Fabio Tasso
OPERA
Anno: 2016
Materiali: Epoxy resin and pigments
Tecnica: Colata in stampo realizzato su modello prodotto con un macchinario (dettagli nella descrizione)
Base: 10
Altezza: 9
Profondità: 60
Peso: 2
Prezzo: 0.00 €
Descrizione: PENSIERO Io faccio scultura adoperando dei macchinari, auto costruiti con elementi a basso costo, che assemblano differenti oggetti trasformando il molteplice in unico. Ciò che faccio potrebbe essere fatto da chiunque: non ci sono la mia “mano” e le mie emozioni, ma solo il mio sentimento verso lo spazio che a sua volta non appartiene solo a me. Mi ispiro alle sculture preistoriche, che restando spesso a noi incomprensibili per la lontananza nel tempo, sono forme, perfette, realizzate con il materiale e la tecnologia dell’epoca. Questo cerco di fare: sculture anonime ma universali, realizzate con i materiali di adesso, che studino solo lo spazio, la forma e il rapporto che il nostro corpo ha con questi. Per questo motivo non assegno titoli, ma solo codici di catalogazione con celate tutte le informazioni sulla scultura. Una volta morto io, unico detentore delle chiavi per leggerli, bisognerà cercare e ipotizzare, come fanno gli archeologi. OPERA E0B49B42B25B16B6Y16V900D è un'installazione di 5 elementi disposti lungo una linea retta. Nella sequenza che rappresentano, le dimensioni delle sfere vanno man mano aumentando, ma il loro numero decresce drasticamente. Da una complessità, si va verso la semplicità. Mentre "complicato" e "facile" hanno una sfumatura semantica negativa, "complesso" e "semplice" sono dei valori contrastanti ma pur sempre positivi. Una situazione complessa obbliga la mente a spingersi oltre per trovare una soluzione, al fine di rendere tutto più semplice. Complesso è quindi ciò che mette in moto, che muove e che trasforma. Trasformazione è proprio ciò di cui si nutre quest'installazione. Dall'apparente caos iniziale, dove manca la regola ma è presente l'armonia, si arriva alla semplicità, dove si controlla la forma e si ordinano le parti. Agli antipodi della linea, per completare la sequenza, andrebbero poste due sfere perfette. Queste, essendo immagini della perfezione - e quindi non dell'uomo - non sono presenti. Complessità e semplicità sono caratteristiche umane. Per questo il colore rosso delle sculture, come sangue solido che si fa geometria (un'altra invenzione solo umana).
Note: Sito web: www.fabiotasso.com Facebook: @fabiotassosculpture Instagram: fabiotasso_sculpture You Tube: fabio tasso sculpture